Ancora un inciampo contro Montegranaro

Il ritorno della Sestese da Montegranaro è un dolce amaro per le nostre ragazze, sarebbe stato importante portare a casa lo stesso risultato dell’andata ai fini della classifica, ma Montegranaro risulta essere una squadra piena di autorità e non il fanalino di coda come si potrebbe pensare. Rimane comunque il vantaggio a scontri diretti di avere tre vittorie su quattro sul Montegranaro che potrebbero risultare utili alla fine dell’intergirone.

Gara 1 è una cavalcata quasi senza sosta delle padroni di casa che dal primo al quinto inning martellano la difesa sestese fino a raggiungere la doppia cifra. Spiccano le prestazioni al piatto della Prantl (3/3) della Badagliacca (2/3) e della Fagioli (2/2). Anche se la Sestese non rimane a guardare e riesce a rimontare ben 7 punti tra la quarta e la quinta ripresa, la differenza rimane comunque incolmabile.

La Sestese comincia bene nella seconda partita battuta di Victoria McFarland mal difesa dalla lanciatrice Paulson e arrivo in prima base. Jasmine Bernardini ottiene una base ball, ma viene eliminata in seconda sulla successiva rimbalzante di Chelsea Cohen. La McFarland approfitta della giocata verso l’angolo opposto e  vola dalla terza base a casa base in un attimo, concretizzando il vantaggio per la Sestese.
Nel pareggio, alla quarta ripresa, c’è sempre di mezzo Cameron Prantl. Il suo fuoricampo finisce la corsa dietro la rete dell’esterno centro. Per le toscane è il momento di strigere i denti e rifarsi pericolose in attacco. Quinto inning e Virginia Martini, nonostante lo strike out, riesce a raggiungere la prima grazie alla palla persa da parte del ricevitore avversario. Gaia Benvenuti piazza una singolo al centro, Un paio di palle non trattenute dal catcher del Montegranaro fruttano comunque il punto del sorpasso.

La classifica si smuove di poco, la Sestese aspetta in casa il Pianoro avversario alla portata su cui brucia la doppia sconfitta, francamente immeritata delle ragazze nel turno di andata.

Autore dell'articolo: Staff

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *